Informazione

Il limone: la pianta e la sua coltivazione


L’albero di limone, Citrus limon, è originario dell’India e dell’Indocina, è una pianta sempreverde come gli altri agrumi della famiglia delle Rutacee, ed ha un certo pregio ornamentale.

Secondo alcuni non si tratta di una specie vera e propria ma di un ibrido tra il cedro (Citrus medica) e il Lime (Citrus aurantifolia), e questa ipotesi è abbastanza plausibile considerata l’elevata capacità che gli agrumi hanno di ibridarsi tra loro e di mutare. Questa loro attitudine ha contributo alla loro diffusione nel mondo, diversificandoli e rendendoli adattabili a diverse condizioni.

A differenza degli altri fruttiferi, questa specie è rifiorente e produce più volte durante l’anno, donando quindi più raccolti. Il frutto del limone lo conosciamo tutti: botanicamente è un esperidio, ha forma ellittica, è di colore giallo e presenta una punta chiamata “umbone”. La buccia è spessa ed è ricca di ghiandole che contengono olii essenziali molto profumati. La pianta del limone può raggiungere un’altezza massima di 6 metri, ha rami a crescita un po’ irregolare e spinosi e pur con qualche vincolo climatico, può essere coltivata con una relativa semplicità anche in modo biologico.

Clima e terreno indicati

Clima necessario alla coltivazione. Il limone è molto sensibile alle basse temperature, anche più di altri agrumi come l’arancio. A -4 °C si defoglia, e con temperature ancora inferiori e prolungate nel tempo si creano danni al legno fino alla morte della pianta. Di conseguenza all’aperto lo si può coltivare soltanto nelle zone a clima mite, dove gli inverni non sono troppo impietosi. Il meglio di sé infatti il limone lo offre negli areali del sud e delle isole, dove vegeta rigoglioso e produce in abbondanza frutti succosi. Anche i microclimi particolari dei grandi laghi del nord sono favorevoli agli agrumeti, mentre al centro la sua coltivazione dipende molto anche dall’esposizione, che deve essere assolata e riparata. Se proprio lo si vuole coltivare anche a nord, bisogna pensare a coprire la pianta in inverno con teli di tessuto non tessuto e tenerla in posizioni riparate, di conseguenza la migliore soluzione in questi casi è la coltivazione in vaso, che ne consente anche lo spostamento.

Il terreno ideale. Per quanto riguarda la natura del terreno, il limone è piuttosto adattabile, ma predilige suoli con ph leggermente acido e ricco di sostanza organica. Sono da evitare i suoli fortemente argillosi, e anche quelli troppo calcarei o salini.

Mettere a dimora l’albero

Portinnesto. Le piante di limone si acquistano già innestate ed è utile sapere su quale portinnesto, per capire le future attitudini della pianta. Il portinnesto infatti è la parte inferiore dell’albero e da esso dipende il radicamento, la vigoria e l’adattarsi a diversi tipi di terreno.

Impollinazione. Per la fruttificazione del limone non sono necessari più esemplari come impollinatori e anche una singola pianta può produrre in modo indipendente.

Come piantare il limone

Al momento del trapianto bisogna avere del buon composto o letame maturi, da miscelare alla terra di scavo della buca. La buca deve essere profonda, per assicurare alle radici della pianta un certo volume di terra smossa e soffice, quindi dimensioni di circa 70 x 70 x 70 cm sono ottimali. La buca in genere si fa manualmente con picconi e vanga, ma se il terreno è troppo tenace e se si piantano vari esemplari di limone, è utile ricorrere ad una mototrivella. Il periodo migliore per la messa a dimora è la primavera, quando le piante possono attecchire bene.

Sesti di impianto. Nella coltivazione professionale del limone le piante si tengono distanti circa 5 x 5 metri, o anche meno, ma dei sesti adeguati consentono una buona illuminazione solare, quindi è preferibile non infittire le piante. Idealmente inerbire gli interfilari è la soluzione migliore, ma questa pratica trova nella siccità un forte limite negli areali di coltivazione del limone.

La coltivazione nel dettaglio

Irrigazione

Indicativamente, il fabbisogno di acqua del limone è elevato, di circa 20-60 metri cubi per ogni pianta nell’arco della stagione. Siccome i limoni vengono coltivati soprattutto in areali caldi e siccitosi, sono sempre accompagnati dall’irrigazione, pratica che si deve quindi attuare anche per la coltivazione di una sola pianta o di poche, soprattutto se in vaso. La fase più delicata, quella nella quale l’acqua non deve mancare, è tra la fioritura e l’allegagione, e siccome il limone fiorisce più volte nell’anno, dovremo prestare attenzione spesso.

Pacciamatura

La pacciamatura, come per ogni altra specie, è utilissima soprattutto nei primi anni di vita della pianta, perché evita la crescita di erba spontanea che può competere col limone per l’acqua e le sostanze nutritive. Per questa specie, inoltre, la pacciamatura è particolarmente utile per proteggere l’apparato radicale dai freddi invernali, soprattutto se viene coltivata in aree climaticamente al limite. Quindi si può distribuire un bello strato di paglia o di cortecce, sotto il quale mettere manciate di concime naturale.

Riprodurre limoni con margotta

Una tecnica semplice e particolarmente efficace per la riproduzione di piante di limoni a partire dalla pianta madre è la “margotta”, tecnica che consiste nello scegliere un ramo di uno o due anni e farvi un’incisione ad anello. Sotto il taglio si lega un sacchetto di polietilene, si riempie di terra e si lega anche all’estremità superiore: il ramo viene così avvolto da un manicotto di terra attorno al taglio e pian piano in quel punto nascono delle radici, che una volta ben formate consentiranno di recidere il ramo dalla pianta madre. Il periodo più indicato per questa operazione è la primavera. Possiamo approfondire l’argomento nell’articolo su come fare la margotta del limone.

Come potare i limoni

Forma della pianta. I limoni vengono allevati soprattutto a globo, forma con cui la pianta è lasciata libera di svilupparsi naturalmente, facendo rami fruttiferi anche in basso.

Lavori di potatura. Il limone non richiede interventi sistematici di potatura, e quindi i tagli sono solitamente legati ad esigenze particolari, come l’eliminazione di parti colpite da malattie e per arieggiare chiome particolarmente fitte.

Malattie del limone

Ci sono alcune malattie che colpiscono gli agrumi in generale e altre che riguardano soprattutto il limone. Le soluzioni a basso impatto ambientale ci sono e in una coltivazione biologica si scelgono quelle, sempre partendo da opportune pratiche preventive, come la nutrizione adeguata, senza eccessi, l’alleggerimento della chioma se troppo folta e le irrigazioni solo sotto chioma, che non bagnano la parte aerea.

Il mal secco

Si tratta di una patologia fungina che colpisce i vasi conduttori interni portando al disseccamento della pianta o anche solo di una parte. La difesa dal mal secco del limone, anche chimica, di questa malattia, è sempre stata difficoltosa, tanto che l’unica vera soluzione è la resistenza di tipo genetico, e quindi la scelta di varietà resistenti o tolleranti.

Batteriosi

L’attacco batterico si riconosce perché crea macchie depresse color rosso bruno sui rami, da cui esce un essudato gommoso e anche sui frutti si possono formare le macchie tondeggianti. Bisogna prevenire questa patologia con le normali accortezze, come le potature adeguate e una nutrizione equilibrata, mentre in caso di forte attacco si può trattare col verde rame.

La Tristeza

La Tristeza è un virus comparso in anni recenti, oggetto di un decreto di lotta obbligatoria. Siccome ha causato molti danni agli agrumeti le istituzioni sono intervenute stanziando fondi. Innanzitutto i vivai che vendono piantine di limone devono poter garantire che queste siano sane, poi se comunque la malattia sopraggiunge, e la si nota dal progressivo deperimento e defogliamento della pianta, bisogna eliminare e bruciare tutti gli esemplari coinvolti, disinfettando poi gli attrezzi usati. Il virus è trasmesso dagli afidi e quindi la vera lotta alla malattia parte dal controllo di questi insetti.

Insetti dannosi

Anche la difesa dagli insetti dannosi può essere condotta con metodi ecologici ma allo stesso tempo efficaci.

Cocciniglie

Ci sono varie specie di cocciniglie specializzate nell’attaccare in particolar modo gli agrumi, come il “cotonello” (Planococcus citri), che si insedia soprattutto attorno al picciolo del frutto e sottrae linfa sporcando con la melata e la tipica sostanza farinosa; inoltre vi sono l’Iceria (icerya purchasi) che attacca soprattutto la pagina inferiore delle foglie, la cocciniglia mezzo grano di pepela cocciniglia grigia e la cocciniglia rossa.

Mentre su grandi estensioni ha senso fare la lotta biologica vera e propria, cioè col lancio di insetti antagonisti, per poche piante è possibile trattare con oli minerali, ammessi anche in agricoltura biologica, e spruzzando macerati di felce.

Afidi

Gli afidi colpiscono anche il limone, lasciando melata appiccicosa e foglie accartocciate e soggette poi a fumaggine. Bisogna debellarli con sapone di Marsiglia diluito in acqua, ma prima di questo è possibile prevenirne la presenza con estratti di ortica e macerati di aglio o di peperoncino piccante.

Minatrice serpentina

L’insetto sciupa le foglie, scavandovi delle sottilissime gallerie. Lo spinosad o il piretro possono essere usati per trattamenti efficaci e a basso impatto ambientale.

Coltivazione in vaso

La coltivazione di limoni in grandi vasi è piuttosto comune e vi sono delle note limonaie in serra, come quella storica del giardino della reggia di Versailles, in Francia.

La capienza del contenitore deve consentire alle radici quel minimo sviluppo tale da garantire una discreta espansione della parte aerea. In vaso le irrigazioni devono essere più frequenti, il terriccio deve essere ogni tanto rabboccato, e bisogna aggiungere più volte l’anno dello stallatico pellettato o un concime organico a base di lupini macinati, ottimo per gli agrumi.

Raccolta e varietà di limoni

Dato che il limone è rifiorente, anche la produzione dei frutti avviene in più momenti dell’anno.

I periodi principali di fioritura sono: la primavera, con conseguente produzione di limoni invernali, e settembre, da cui si generano i cosiddetti limoni verdelli, destinati a maturare nell’estate successiva.

Varietà di limone

Al sud Italia si coltivano per lo più varietà autoctone, più resistenti o tolleranti al Mal secco: Il Femminello Comune e altre cultivars di Femminello che sono state tutte risanate dai virus mediante la tecnica del microinnesto; altre varietà note sono il Monachello, poco rifiorente, che produce soprattutto in inverno, caratterizzato da frutti a buccia liscia e molto spessa.

Gli “pseudo limoni”

Oltre al limone vero e proprio, Citrus limon, esistono alle specie che possono essere considerate abbastanza simili negli usi. E’ il caso, ad esempio, del “limone rugoso”, Citrus jambiri; del limone meyer, Citrus meyer, che forse è un ibrido tra limone e arancio dolce; la limetta dolce, Citrus limetta dai frutti tondi e gialli e molto ornamentale; il limone karna, Citrus karna, che ricorda anche l’arancio amaro e che produce una volta l’anno, e tanti altri ancora, in una grande biodiversità nel genere Citrus.

Come consumare i limoni

I limoni, contrariamente a quanto si possa pensare, non creano l’inconveniente dell’acidità di stomaco che invece può essere causata da un elevato consumo di arance: al contrario, hanno un effetto balsamico sullo stomaco e sono molto salutari. Inoltre sono molto ricchi di vitamica C, che oltre a prevenire l’influenza, aiuta nell’assimilazione del ferro.

I limoni vengono anche usati molto nella cosmetica e in profumeria, nonché nella preparazione del noto liquore limoncello, che si può fare anche a casa. Un po’ insolita, ma assolutamente da provare, è la marmellata di limoni.

Altre letture interessanti:

Ti è servito questo articolo? Lascia un commento. Sono bene accette critiche, opinioni e domande o racconti dal tuo frutteto.

Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook e il profilo Instagram.

Sara Petrucci2019-10-28T12:23:27+01:00
  1. aldo vittorino6 Marzo 2019 al 21:17

    Ho un alberello di limone lunario piantato quasi 2 anni fa, a novembre scorso la pianta aveva circa una quindicina di limoncini appena nati, l’ho coperto con tessuto-non tessuto per l’inverno, però i limoncini sono diventati tutti marroni e sono seccati insieme ad alcune foglie… forse il freddo? O altro? Oggi ho tolto il telo e tagliato i rametti seccati

    • Matteo Cereda6 Marzo 2019 al 22:20

      Ciao Aldo non saprei dirti a distanza, ma potrebbe anche essere una malattia della pianta. Corretto in ogni caso eliminare le parti dell’albero in sofferenza.

  2. Maria Teresa13 Novembre 2019 al 8:11

    Buongiorno , ho in programma di fare una piantagione di limoni su un terreno di circa un ettaro in Sicilia, alcuni mi scoraggiano nel senso che il limone è una pianta che non va presto in piena produzione, posso sapere come vanno esattamente le cose?
    Grazie mille.

    • Matteo Cereda13 Novembre 2019 al 11:21

      Ciao Maria Teresa. Impiantare un frutteto in generale non è un’attività che diventa attiva dall’oggi al domani, la natura ha i suoi tempi. Gli alberi devono svilupparsi e diventare abbastanza grandi per riuscire a fruttificare. Per i primi 3-4 anni non vedrai produzione significativa, poi man mano, nel giro di un paio d’anni (quindi 5-6 anni dall’impianto) l’agrumeto inizierà a dare soddisfazione. Come stanno esattamente le cose dipende però da molti fattori (clima, terreno, varietà, portinnesto…): le tempistiche sono sempre indicative. Non aspettarti però di piantare oggi e raccogliere domani.

  3. Rosanna Martinucci4 Gennaio 2020 al 22:56

    Buongiorno,ho comprato una pianta di limone nel mese di maggio.Una bella pianta di 1 metro e più,nel mese di novembre l’ho spostata di posto ,l’ho messa al riparo e l’ho coperta con il telo non telo.Prima di riporla al riparo ha iniziato a notare sulle punte in alto delle foglie scolorire, Mi potrebbe dare un consiglio su cosa fare!Grazie Rosanna

    • Matteo Cereda6 Gennaio 2020 al 23:22

      Ciao Rosanna, i motivi dell’ingiallimento delle foglie del limone possono essere svariati (freddo, carenze di nutrimenti, ph, malattie, mancanza di luce, shock da trapianto…). Non sapendo come è coltivata la tua pianta trovo difficoltà a risponderti. Il tuo limone è in vaso? Quando parli di spostarla intendi un trapianto oppure semplicemente hai mosso il vaso? Un saluto! Matteo

  4. Angelo Salviato10 Gennaio 2020 al 23:29

    Molto interessante e…chiaro!.

  5. Alessandro1 Maggio 2020 al 19:37

    Salve! volevo conoscere alcune informazioni sull’irrigazione, potatura e concimazione del limone. In particolare ero interessato ai quantitavi di acqua trovandomi in Calabria e alle tempistiche di potatura e concimazione. Grazie.

    • Matteo Cereda2 Maggio 2020 al 0:21

      Ciao Alessandro, l’irrigazione non ha una regola valida in generale. A seconda di quanto è radicata la pianta (età, portinnesto), del clima e del tipo di suolo varia. Ad esempio in un terreno sabbioso l’acqua drena e asciuga subito, un terreno argilloso invece resta umido a lungo e trattiene acqua, variano quindi i quantitativi. Per la potatura invece puoi far riferimento alla guida su come e quando potare i limonicome e quando potare i limoni.

  6. joseph9 Maggio 2020 al 18:45

    Salve,volevo sapere quando tempo dura la maturazione del frutto e come capire quando è giunto alla giusta maturazione.Grazie.

    • Matteo Cereda11 Maggio 2020 al 0:30

      La maturazione dipende da clima e varietà. Osservando il colore della buccia e la pezzatura capisci quando è maturo.

  7. Umberto Lenna20 Maggio 2020 al 13:26

    Salve, ho acquistato un limone a febbraio e lo coltivo in vaso sul balcone; fiorisce e produce foglie verdi ma le bacche verdi che seguono al fiore cadono dopo pochi giorni.
    In questo modo non produce frutti. Co.e mai?
    Grazie

    • Matteo Cereda21 Maggio 2020 al 16:11

      Le spiegazioni possono essere svariate: un problema climatico oppure di nutrimenti (carenza o eccesso di qualche elemento), ma anche semplicemente la giovane età della pianta. Non conoscendo nulla del tuo limone purtroppo non so aiutarti meglio di così.

  8. Elisabetta Marassi5 Giugno 2020 al 18:46

    Salve , ho un piccolo limone sul balcone , lo scorso inverno ho raccolto 2 frutti , adesso è pieno di fiori e ha tanti minuscoli frutti , devo diradarli ? Quando ? Grazie .

    • Matteo Cereda8 Giugno 2020 al 9:24

      Fai bene a diradare se il limone è in vaso, visto che fisiologicamente non potrà ottenere le sostanze nutritive per portarli tutti a maturazione al meglio. Quanto diradare devi valutare guardando la pianta, quando farlo direi appena vedi i frutticini formati (non toglierei i fiori ma aspetterei il frutto).

  9. Ago5 Giugno 2020 al 21:24

    Si mi è servito sto iniziando questa avventura piantando più di 2000 piante sono molto difucioso su questa piantagione ma non so tanto sui limoni e cerco qualche consiglio a chi ne sa più di me. Nella vita c’è sempre da impare

  10. Gianni Massoli6 Settembre 2020 al 11:25

    Ho acquistato una pianta di limoni anni fa, le prime stagioni ha dato notevoli limoni, mentre l’anno scorso ha fatto moltissimi fiori, però non hanno dato alcun frutto. A inizio stagione ho potato leggermente la pianta, ha germogliato molte foglie e nulla più. Faccio presente che ogni tre mesi lo concimo come previsto dalla etichetta del prodotto, inoltre nella stagione fredda lo ritiro.

    • Matteo Cereda7 Settembre 2020 al 21:28

      Ciao Gianni, non sapendo nulla della tua pianta mi è difficile capire come mai dai fiori non passa ai frutti. In genere la cascola di fiori ha motivazioni climatiche, oppure è legato a uno stato di sofferenza della pianta (magari per errata potatura). Anche un eccesso di concime può creare questo problema, ricontrollerei i dosaggi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Video: come fare nascere una pianta di banano dal frutto a costo zero, coltivare il banano, banane, planta (Settembre 2021).